La sindrome sgombroide ischemica miocardica: come riconoscere ciò che si conosce

Giuseppe Ferrazzo, Silvia Perfetti, Ioanna Koniari, Gianluca Di Bella, Nicholas G. Kounis, Cesare de Gregorio

RIASSUNTO: L’ingestione di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione può portare a una malattia istaminergica nota come sindrome sgombroide (SS). La malattia di solito provoca manifestazioni cutanee, gastrointestinali, disturbi respiratori, ipotensione con ulteriori sintomi correlati all’istamina. Sebbene le complicanze cardiache siano rare, vi sono descrizioni in letteratura di pazienti con dolore toracico coerente con una sindrome coronarica acuta (SCA) al momento del ricovero, probabilmente a causa di un vasospasmo coronarico transitorio. Abbiamo eseguito una ricerca bibliografica per tutti i casi pubblicati in letteratura dal 1997 al 30 novembre 2022 con sospetta sindrome coronarica acuta in corso di SS. Complessivamente sono stati selezionati 18 studi, per un totale di 25 casi di SS ischemica miocardica, e ne sono state discusse le principali caratteristiche fisiopatologiche, cliniche, diagnostiche, terapeutiche e prognostiche. Abbiamo anche cercato di ipotizzare una flowchart diagnostica semplificata (inclusa l’eventuale indicazione ad angiografia coronarica). Sebbene questa sindrome possa indurre aritmie e instabilità emodinamica in fase acuta, anche nei giovani, la prognosi appare buona.