Position paper ANMCO: Impiego di vericiguat nello scompenso cardiaco: dalle evidenze al posizionamento terapeutico

Stefania Angela Di Fusco, Alessandro Alonzo, Alberto Aimo, Andrea Matteucci, Rita Cristina Myriam Intravaia, Stefano Aquilani, Manlio Cipriani, Leonardo De Luca, Alessandro Navazio, Serafina Valente, Michele Massimo Gulizia, Domenico Gabrielli, Fabrizio Oliva, Furio Colivicchi

RIASSUNTO: Nel contesto del crescente armamentario terapeutico per la gestione dell’insufficienza cardiaca si inserisce una nuova opzione terapeutica rappresentata da vericiguat. Si tratta di un farmaco il cui target biologico è differente dagli altri farmaci finora disponibili per l’insufficienza cardiaca. Infatti, vericiguat non inibisce i sistemi neuro-ormonali iperattivati nell’insufficienza cardiaca, né il cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2, ma stimola la via biologica dell’ossido nitrico e della guanosina monofosfato ciclica, che è compromessa nei pazienti con insufficienza cardiaca. L’uso di vericiguat è stato recentemente approvato dalle autorità regolatorie internazionali e nazionali per il trattamento dei pazienti con insufficienza cardiaca a frazione di eiezione ridotta, sintomatici nonostante terapia medica ottimale e con recente episodio di riacutizzazione. Il presente position paper ANMCO sintetizza gli aspetti chiave del meccanismo d’azione di questo nuovo farmaco e analizza le evidenze cliniche attualmente disponibili. Inoltre, il documento riporta le indicazioni all’impiego di vericiguat sia sulla base delle linee guida internazionali che delle normative delle autorità regolatorie locali vigenti al momento della stesura.