La bicuspidia aortica e le sue complicanze: dalle molecole al bisturi

Alessandro Della Corte, Federica Lo Presti

RIASSUNTO: La bicuspidia della valvola aortica è una condizione assai rilevante nell’epidemiologia delle valvulopatie aortiche degenerative (stenosi, insufficienza) ed infettive (endocardite). Questa rassegna affronta i temi del trattamento di tali complicanze valvolari soffermandosi sugli aspetti peculiari che le distinguono dalle corrispettive patologie in soggetti con valvola aortica tricuspide, e in particolare: il trattamento transcatetere della stenosi, la chirurgia riparativa/ conservativa nell’insufficienza, la prevenzione dell’endocardite. L’aortopatia bicuspide è caratterizzata da notevole eterogeneità dal punto di vista prognostico, e verosimilmente anche patogenetico. Una più chiara comprensione dei fattori determinanti (quelli intrinseci alla parete e quelli relativi alle forze che vi incidono) potrebbe guidare una migliore stratificazione del rischio (identificazione delle forme severe, prevenzione della dissezione aortica) così da consentire la personalizzazione dell’approccio terapeutico. Questa rassegna riesamina anche lo stato dell’arte sull’aortopatia bicuspide, avanzando inoltre nuove ipotesi per l’interpretazione delle numerose ma sparse evidenze patogenetiche attualmente disponibili.