L’impatto della pandemia COVID-19 sui pazienti affetti da cancro e malattie cardiovascolari ha confermato la particolare vulnerabilità di queste popolazioni. Infatti, non solo si è registrato un rischio più alto di contrarre l’infezione, ma anche un decorso più severo con esiti spesso infausti. Oltre alle dirette conseguenze dell’infezione da SARS-CoV-2, la pandemia ha avuto un impatto enorme sui sistemi sanitari globali. I programmi di screening e gli esami ritenuti non urgenti sono stati rinviati con conseguenti ritardi diagnostici, la sperimentazione clinica ha subito una battuta d’arresto. In cardiologia si è osservato un significativo declino degli accessi per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST e un aumento dei casi di infarto a presentazione tardiva con aumento dei tassi di mortalità e di complicanze. I sistemi sanitari devono pertanto essere preparati ad un effetto “rebound” per un aumento relativo di incidenza a breve e medio termine di patologie come scompenso cardiaco, infarto miocardico, aritmie e complicanze cardio- e cerebrovascolari. Le Società Scientifiche si sono attivate per fornire delle raccomandazioni volte a mitigare gli esiti sfavorevoli di questa emergenza pandemica. La cardio-oncologia, disciplina emergente e faro di innovazione nello sviluppo della gestione multispecialistica dei pazienti, ha rapidamente modificato i suoi percorsi clinico-assistenziali e ha implementato protocolli di monitoraggio flessibili che prevedano un impiego mirato dell’imaging cardiaco, un maggiore utilizzo dei biomarcatori e dei sistemi di telemedicina con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio di infezione per operatori e pazienti mantenendo gli standard assistenziali per il trattamento delle malattie oncologiche e cardiovascolari. Scopo di questo position paper ANMCO è quello di valutare le implicazioni della pandemia nello studio e nella gestione dei pazienti cardio-oncologici utilizzando le intuizioni acquisite, al fine di orientare le strategie sia durante la pandemia che nelle fasi future.